Chief Innovation Officer
Dal Libro bianco

Parchi Scientifici e Tecnologici: abilitatori di innovazione in cerca del necessario riconoscimento

15/4/2024
Parchi Scientifici e Tecnologici: abilitatori di innovazione in cerca del necessario riconoscimento

Il Parco Scientifico e Tecnologico (PST) è un Sistema Organizzato sul territorio il cui scopo principale è quello di creare un ambiente collaborativo in cui aziende possano interagire e condividere conoscenze, competenze e risorse per l'innovazione e lo sviluppo di nuove tecnologie, fra di loro e con l’intera filiera dell’innovazione (istituti di ricerca, start-up, SME e grandi imprese).

Si tratta di un tessuto imprenditoriale costituito da decine di realtà su tutto il territorio nazionale, la cui governance può variare a seconda della Regione e delle specifiche circostanze locali e, soprattutto, dall’assetto societario che lo caratterizza. Tuttavia, in generale, la governance di un PST coinvolge spesso una combinazione di attori pubblici e privati che collaborano all’indicazione di politiche, strategie e decisioni relative al suo funzionamento. In particolare, i partenariati pubblico-privati (PPP) sono stati ampiamente considerati come modelli più credibili per lo sviluppo e la gestione delle infrastrutture di interesse pubblico.

I PST hanno uno stretto legame con il territorio dove sono localizzati, fungendo da poli di trasformazione del territorio stesso e dei suoi sistemi occupazionali diretti e indiretti, grazie ad esempio alla capacità di concentrare personale altamente qualificato e imprese che, oltre alla dimensione tecnologica e innovativa, richiedono una ampia varietà di servizi (e.g.: housing, entertainment, ristorazione, trasporto).

IASP (International Association of Science Parks and Areas of Innovation), l’associazione internazionale di riferimento per il settore, suggerisce diversi KPI che possono essere utilizzati per misurare l'efficienza dei Parchi Scientifici: (i) occupazione degli spazi; (ii) flusso di imprese; (iii) impatto occupazionale; (iv) tasso di sopravvivenza delle imprese; (v) investimenti e finanziamenti; (vi) collaborazioni e partenariati; (vii) valutazione della soddisfazione degli occupanti; (viii) valutazione dei servizi di innovazione offerti; (ix) aderenza ai principi della Environmental Sustainable Goals (ESG).

I KPI di valutazione delle prestazioni del PST, internazionalmente riconosciuti dall’associazione di riferimento del settore, offrono ai non addetti ai lavori una visione sulla rilevanza di questi luoghi per il territorio e la sua strategia di specializzazione. Luoghi, come emerge dai KPI, che sono casa di imprese ad alto impatto e di cui sono partner per il loro sviluppo.

Nonostante ciò, questi luoghi, motori di innovazione e acceleratori delle strategie di specializzazione regionali, non sono formalmente riconosciuti in Italia in quanto non inquadrati in nessuna normativa. I PST sono, di fatto, organizzazioni di vario tipo le quali si comunicano al mercato in varie forme: poli di innovazione, aree di innovazione, parchi scientifici tecnologici ma anche acceleratori e incubatori.

E, il mancato riconoscimento delle attività svolte da queste organizzazioni ha portato, ad esempio, alla loro esclusione dai soggetti attuatori del PNRR. Il ruolo che però ricoprono nell’ecosistema, l’attività svolta e l’efficienza operativa che li caratterizza sono elementi valoriali che li avrebbero dovuti vedere protagonisti del programma di ripresa e resilienza. Tanto più in considerazione del loro stretto legame con i diversi territori, elemento che permetterebbe di raggiungere efficacemente, attraverso il sistema dei PST, le PMI nelle diverse aree del Paese.

L’inquadramento normativo dei PST, richiesto a gran voce dai Parchi stessi, permetterebbe quindi a questi luoghi di accrescere la propria capacità di acceleratori di innovazione in quanto, una volta riconosciuti, potrebbero essere opportunamente considerati nel contesto normativo e potrebbero inoltre essere oggetto di misure che ne incentivano l’impatto sul territorio.

Forme di decontribuzione dedicate ai PST, come l’alleggerimento dell’imposizione IMU e l’abbattimento del cuneo fiscale per i lavoratori altamente qualificati che operano nei Parchi, sarebbero misure in grado di accelerare la costruzione di cluster ad elevata densità di competenze e tecnologie, favorendo l’inserimento e l’attrattività dei migliori talenti e generando un impatto elevato per il territorio in cui sono insediati e, più in generale, per l’economia del Paese.

Inoltre, in occasione di bandi e agevolazioni, i PST possono fungere da garante della validità dei progetti proposti dalle imprese in essi insediati, permettendo a queste imprese di accedere a premialità nella valutazione delle proposte progettuali o a fast track di accesso alla finanza.

Il dialogo tra le Associazioni di riferimento per il settore e le Istituzioni si è recentemente aperto, con l’obiettivo di giungere all’auspicato riconoscimento del prezioso lavoro svolto dai Parchi Scientifici Tecnologici.

Chief Innovation Officer

Ultimi articoli

Al via l’Innovation Management Forum: al centro dell’edizione 2024 l’AI e le sue applicazioni

Al via l’Innovation Management Forum: al centro dell’edizione 2024 l’AI e le sue applicazioni

120 leader dell’innovazione delle principali aziende italiane si confronteranno sui temi legati all’AI e alle sue applicazioni. Dall’esito di queste dissertazioni, verrà redatto un Libro Bianco, un prezioso documento con cui supportare i percorsi istituzionali di definizione delle strategie nazionali per l’intelligenza artificiale.
Articolo
Coopservice consegue l’attestazione ISO 56002 sulla gestione dell’innovazione

Coopservice consegue l’attestazione ISO 56002 sulla gestione dell’innovazione

L’importante riconoscimento ha una validità triennale con monitoraggio annuale e posiziona l’azienda tra i pionieri del settore.
Articolo
Intercettare, accelerare e integrare startup che sviluppano soluzioni complementari: il caso Zucchetti

Intercettare, accelerare e integrare startup che sviluppano soluzioni complementari: il caso Zucchetti

Il programma HR Alliance al centro del modello di open innovation al fine di estendere l’offerta aziendale di soluzioni e servizi.
Articolo